Sottotitoli

Qui le albe sono quiete
Leonid Brežnev
Unione Sovietica
Stanislav Rostockij
Supportaci con una donazione paypal

Qui le albe sono quiete

Film di guerra drammatico diretto da Stanislav Rostockij
1972 - Studio di M.Gorkij
А зори здесь тихие
IMDB: 8.2

Durante la Seconda Guerra Mondiale in un piccolo avamposto del villaggio, un comandante ha la sua truppa sostituita da un'unità tutta al femminile. Quando finalmente iniziano ad apprezzarsi a vicenda, i paracadutisti tedeschi vengono avvistati nelle vicinanze e emergono le realtà della guerra.

Sottotitoli a cura di Giovanna Germanetto

Contesto storico e sociale

"L’Unione Sovietica fu l’unico paese fra gli Alleati della Seconda Guerra Mondiale a permettere che le donne combattessero attivamente tra le file del suo esercito. A migliaia vennero rifiutate quando nel 1941 il loro paese venne attaccato dalle forze naziste, ma in seguito alle tremende perdite subite dall’Armata Rossa la mentalità dei vertici militari cambiò, e le donne iniziarono ad essere accettate in servizio nelle unità combattenti.

Senza contare quelle che si unirono alle forze partigiane, alla fine della Seconda Guerra Mondiale 800.000 donne avevano servito nelle forze armate sovietiche nei ruoli più svariati. Quasi 200.000 vennero decorate, e 89 ottennero il titolo di Eroe dell’Unione Sovietica. Anche se all’inizio la maggioranza servì in unità ausiliarie o nel personale medico, in seguito le donne servirono in altri ruoli, dove seppero farsi valere tanto e a volte più dei loro commilitoni uomini: commissari politici, tiratrici scelte, pilote di bombardieri, mitragliere e carriste." Raffaele Ucci

L’incubo peggiore dei nazisti furono le “streghe della notte” - un corpo di combattimento femminile considerato una delle pagine più gloriose nella lotta contro il fascismo.

"Pare che all’inizio il 588° conducesse le incursioni a bordo di antiquati biplani che prima della guerra irroravano i campi. Fu il capitano tedesco Johannes Steinhoff che inventò per loro il nome che le avrebbe accompagnate per sempre: Nachthexen, streghe della notte, come scrisse in un rapporto nel 1942: “I piloti sovietici che ci danno più problemi sono donne. donne. Non temono nulla, vengono di notte a tormentarci con i loro obsoleti biplani e non ci fanno chiudere occhio per molte notti”. La tattica era impavida: o la Raskova e le sue compagne volavano a pochi metri dal suolo per non essere intercettate dagli Stukas tedeschi, oppure arrivavano da alta quota scendendo poi in picchiata col motore al minimo per non farsi sentire, o addirittura andavano in missione con soli tre velivoli, dei quali due distoglievano l’attenzione della contraerea e il terzo si abbassava e colpiva. Oltre 23mila le missioni di questo tipo effettuate. Ben 23 piloti donna delle streghe notturne di insignito del prestigioso titolo di Eroe dell’Urss, e in breve il reggimento divenne il più decorato di tutta l’Unione Sovietica." Antonio Pannullo

Curiosità e riconoscimenti

  • Il film è un tratto dal romanzo omonimo del 1969 di Boris Vasil'ev (veterano della Grande Guerra Patriottica). Vasil'ev ha firmato negli anni numerosi bestseller, dai quali sono stati tratti alcuni tra i più popolari e premiati film sovietici.

  • Nel film la guerra è mostrata in bianco e nero, e il tempo prebellico e del dopoguerra a colori.

  • Come successivamente ricordava il regista e veterano della guerra Stanislav Rostockij, il film è stato girato in memoria di un'infermiera che durante la guerra lo ha portato fuori dal campo di battaglia e salvato dalla morte.

  • C'erano molti problemi con l'episodio della banja. Per farla Rostockij per cinque ore persuase le ragazze a recitare nude, ma si rifiutarono, poiché furono educati in severità. Dopo la prima visione del film, i capi hanno chiesto di tagliare quella scena schietta. Ma Rostockij in qualche modo miracolosamente riuscì a difenderla.



Anche se facciamo del nostro meglio, non siamo di madrelingua italiana, quindi se vuoi aiutarci a migliorare le traduzione, scrivici!

Supportaci con una donazione paypal