Doppiaggio

Stalker
Leonid Brežnev
Unione Sovietica
Tarkovskij Andrej
Supportaci con una donazione paypal

Stalker

Film di fantascienza filosofico diretto da Tarkovskij Andrej
1979 - Mosfilm
Сталкер
Fantascienza
IMDB: 8.2

Tratto dal romanzo fantascientifico “Pic-nic sul ciglio della strada” dei fratelli Boris e Arkadij Strugatskij, il film narra del viaggio di uno scrittore e un professore all’interno della Zona, una area misteriosa e militarmente controllata alla quale è severamente vietato accedere. Entrambi i personaggi sono alla ricerca di una stanza che, secondo le dicerie, si troverebbe nel cuore della Zona e che avrebbe il potere di esaudire i desideri di chi la visita. Ad accompagnare la coppia è lo Stalker, una guida esperta dei mille tranelli che la Zona può avere in serbo per i suoi visitatori.

Altri film del regista: Andrej RublevL'infanzia di Ivan, SolarisLo specchio.

Contesto storico e sociale

Stalker” è riconosciuto come un capolavoro del cinema internazionale. Sono trascorsi più di 30 anni dall’uscita del film, eppure non ha smesso di suscitare l’ammirazione di pubblico e critica.

Sul personaggio dello stalker, Tarkovskij ha espresso le seguenti parole: “La natura e la missione dello stalker non possono essere formulate verbalmente. Il suo stesso personaggio vuole rappresentare la tragedia umana di chi, avendo bisogno di credere, forza se stesso e gli altri a credere. Ed è per questo che entra nella Zona. In un mondo dominato dal pragmatismo, fa di tutto affinché gli altri credano in qualcosa, ma fallisce. Nessuno ha davvero bisogno di lui, e neanche della Zona. Insomma, questo film ci parla della vittoria del materialismo.

"In tutti i film ‘sovietici’ di Tarkovskij venne affidata una parte a Nikolaj Grin’ko, il quale incarna la figura del padre così importante per il regista: Grin’ko ha interpretato il colonnello Grjaznov ne L’infanzia di Ivan, il pittore di icone Daniil Čërnyj in Andrej Rublëv; il padre di Kris Kelvin in Solaris, il direttore della tipografia ne Lo specchio e il Professore in Stalker. Tamara Ogorodnikova, organizzatrice della produzione cinematografica della Mosfil’m e direttrice della produzione di Andrej Rublëv, prese parte in ruoli episodici in Andrej Rublëv, Solaris e Lo specchio: Tarkovskij ne apprezzava l’aspetto aristocratico e il profilo achmatoviano. Le musiche di Solaris, Lo specchio e Stalker furono composte da Eduard Artem’ev, sperimentatore nel campo della sintesi e della progettazione elettronica del suono."

Editoriale tradotto da Lorenzo Penta per Russia in Translation

Curiosità e riconoscimenti
  • “Stalker” è l’ultimo film di Tarkovskij girato in Unione Sovietica. In seguito il regista ha lavorato solo all’estero.

  • Inizialmente le riprese si svolsero nelle vicinanze di Isfara, in Tagikistan. Sfortunatamente, però, un terremoto colpì gravemente la città, costringendo la troupe a cambiare località. Come luogo dove continuare le riprese furono scelte le campagne vicino Tallin, in Estonia.

  • L’attenzione maniacale di Tarkovskij per i dettagli mise a dura prova la troupe. Durante le riprese in esterno nelle campagne estoni, ad esempio, il regista pretese che i prati nei quali si muovevano gli attori avessero una determinata tonalità di verde. I fili d’erba che non rispondevano ai canoni imposti, furono scrupolosamente rimossi.

  • L’attore Alexandr Kajdanovskij (Stalker), noto per il suo carattere irascibile, si scontrò più volte con Trakovskij durante le riprese del film. Nonostante i vari litigi tra i due, il film fu portato a compimento.

  • Parte delle riprese si svolse in un’area fortemente inquinata. Ciò influì negativamente sullo stato di salute di alcuni membri della troupe: lo stesso Tarkovskij, sua moglie Larisa (aiuto regista) e l’attore Anatolij Solonitsyn (lo Scrittore) moriranno di cancro ai polmoni.

  • In due scene del film è possibile vedere una pagina di calendario recante la data 28 dicembre. Il regista non ha mai dato spiegazioni, né sulla necessità delle due scene, né sul significato che tale data poteva avere. Curiosamente, Andreij Tarkovskij è morto il 29 dicembre 1986.


Lascia la tua recensione

Anche se facciamo del nostro meglio, non siamo di madrelingua italiana, quindi se vuoi aiutarci a migliorare le traduzione, scrivici!

Supportaci con una donazione paypal