Sottotitoli

Ragazzi
Jurij Andropov
Unione Sovietica
Asanova Dinara
Supportaci con una donazione paypal

Ragazzi

Dramma sociale diretto da Asanova Dinara
1983 - Lenfilm
Пацаны
Dramma
IMDB: 7.5

Un giovane e promettente laureato dell’istituto di educazione fisica accetta l’incarico di direttore in un campo di lavoro forzato per adolescenti “problematici”, già registrati dalla milizia, e riesce a creare con loro un rapporto di amicizia e a diventare il loro mentore.

Sottotitoli a cura di Anna Dolgova

Redazione di Ugo Malagoli

Contesto storico e sociale

Nel film "Ragazzi" viene trattato quello che resterà il tema principale anche del successivo lavoro di Dinara Asanova: la formazione della personalità di un adolescente. Il film è permeato di retorica educativa e rivela, in modo originale, aspetti della solitudine interiore dell'adolescente, del suo primo amore e dei suoi tentativi di ritrovarsi. L’espressività di attori giovani e non professionisti aiuta lo spettatore ad interfacciarsi con esistenze pericolose o connotate dal gioco per la sopravvivenza.

Nell'Unione Sovietica, dopo le vicende drammatiche legate alla guerra civile e alla Seconda Guerra Mondiale, c'erano molti orfani e bambini di strada. E le storie di crescita nel collettivo sono diventate una parte importante del mito cinematografico sovietico. Asanova è la prima nel cinema sovietico a parlare ad alta voce di un problema che non era ancora stato discusso apertamente: del crimine adolescenziale, delle vite spezzate e della motivazione di quei ragazzi ad andare contro la legge.

Curiosità e riconoscimenti

  • Inizialmente la sceneggiatura di Jurij Klepikov è stata proposta al regista Sergej Solovjov, che immaginava il cantautore Vladimir Vysotskij ad interpretare l’educatore del campo estivo, ma per qualche motivo Mosfilm ha bocciato il suo progetto e la sceneggiatura è finita nelle mani della sua collega di università, Dinara Asanova, che è riuscita a realizzare il progetto in modo del tutto originale.

  • È stata la seconda collaborazione tra la regista Asanova e lo sceneggiatore Klepikov; la prima è stata “Il picchio non ha mal di testa” (1975).

  • Nel 1985 sono risultati vincitori del Premio di Stato dell'URSS: Dinara Asanova (postumo), il direttore della fotografia Jurij Veksler, lo sceneggiatore Jurij Klepikov e il protagonista Valerij Prijomyhov.

  • Tra i ragazzi non c’erano attori professionisti, ma veri “adolescenti difficili”. Le riprese che sono state realizzate a Priozersk (accanto a San Pietroburgo) li hanno cambiati, permettendo loro di raggiungere una miglior consapevolezza di sé e di apprezzare la gioia della creazione; Dinara Asanova ha continuato a seguire il destino di quei ragazzi anche dopo aver terminato il lavoro sul film.

  • Dinara Asanova (1942-1985) è morta all'età di 42 anni a causa di un arresto cardiaco improvviso.

  • Al film hanno partecipato (come nella maggior parte dei film di Asanova) il suo attore preferito, Valerij Prijomyhov, e il figlio della regista, Anwar, che ha recitato in un ruolo-cameo. È stato anche il debutto cinematografico di Aleksej Polujan, che in seguito ha raggiunto la notorietà per il suo ruolo nello scandaloso film di Aleksej Balabanov “Cargo 200”.


Lascia la tua recensione

Anche se facciamo del nostro meglio, non siamo di madrelingua italiana, quindi se vuoi aiutarci a migliorare le traduzione, scrivici!

Supportaci con una donazione paypal