Sottotitoli

Nastja
Boris Eltsin
Russia
Danelija Georgij
Supportaci con una donazione paypal

Nastja

Melodramma romantico diretto da Danelija Georgij
1993 - Mosfilm
Настя
Commedia
IMDB: 7

Negli anni della Perestrojka, quando una nuova visione sociale, quella capitalista, dilaga in tutto il paese, si svolge la storia leggera e simpatica di una modesta commessa che ha come unico sogno quello di poter avere una vita felice. Sbagliando, la nostra eroina ricerca la chiave del suo desiderio nella bellezza fisica che, secondo lei, non possiede. Poi, un giorno, accade il miracolo, e Nastja ottiene l’aspetto che aveva sempre desiderato. Basterà per poter accedere a quella felicità da lei tanto sognata?

Sottotitoli a cura di Anna Dolgova

Redazione di Gabriella Lavacchi e Irma De Rosa

Contesto storico e sociale

Il film è ambientato nella Mosca del 1992, a pochi mesi dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica e delle sue strutture socio-politiche. Dal gennaio di quello stesso anno andò imponendosi, nella neonata Federazione Russa, una nuova idea di mercato ultraliberale e deregolarizzato.

Con un decreto speciale, il neo-presidente Boris El’tzin autorizzò la compravendita di qualsiasi tipologia di merce su tutto il territorio nazionale senza nessuna restrizione. Insieme al commercio di strada, fiorirono i primi grandi centri commerciali, dove si accettavano sia rubli che valuta estera. L’inflazione galoppante erose i risparmi di milioni di cittadine e cittadini, gettando il paese in un nuovo stato di crisi e pessimismo.

Ad aggravare ulteriormente la situazione economica, fu l’emissione di “voucher” dal valore approssimativo di 10.000 rubli l’uno. Una nuova generazione di imprenditori rampanti, riuscì nell’impresa di accaparrarsi grosse quantità di tali voucher, spartendosi in questo modo grosse fette del morente sistema produttivo sovietico. È in questi anni che si afferma una nuova élite oligarca, la stessa che, ancora oggi, detiene de facto il potere politico ed economico.

A rialzare la testa non furono soltanto i cantori del libero mercato, ma anche le organizzazioni criminali: in questi anni di grandi possibilità, deflagra in tutto il paese una nuova emergenza criminale, spesso di stampo mafioso.

La crisi monetaria e il devastante impoverimento delle classi medio-basse, costrinse il governo a richiedere aiuti umanitari per sfamare la popolazione.

Curiosità e riconoscimenti

Il film è basato sul racconto di Aleksandr Volodin “Un incidente che nessuno ha notato".


Lascia la tua recensione

Anche se facciamo del nostro meglio, non siamo di madrelingua italiana, quindi se vuoi aiutarci a migliorare le traduzione, scrivici!

Supportaci con una donazione paypal