Sottotitoli

Ivan Vasil'evič cambia mestiere
Leonid Brežnev
Unione Sovietica
Gajdaj Leonid
Supportaci con una donazione paypal

Ivan Vasil'evič cambia mestiere

Commedia di fantascienza diretta da Gajdaj Leonid
1973 - Mosfilm
Иван Васильевич меняет профессию
Fantascienza
IMDB: 8.3

L'ingegnere inventore Timofeev ha costruito la macchina del tempo che ha collegato il suo appartamento con il lontano secolo XVI – più preciso con il Palazzo dello Zar Ivan il Terribile. E proprio là capitano il pensionato attivista Ivan Vasilievich Bunsha e il ladro di appartamenti George Miloslavskij. E al loro posto nel secolo ventesimo “si transferisce” il grande sovrano. Il guasto della macchina del tempo provoca una moltitudine di imprevisti e divertenti avvenimenti...

Sottotitoli a cura di Matteo Dargenio

Curiosità e riconoscimenti

  • Leonid Gajdaj ha scritto la sceneggiatura in collaborazione con Vladlen Bakhnov basata sull'opera teatrale di Mikhail Afanas'jevič Bulgakov. Adattando lo scenario alle realtà degli anni Settanta, Gajdaj ha messo al centro della trama non Ivan il Terribile (come era nel pièce di Bulgakov), ma l'amministratore del condominio Bunša ed l' inventore della macchina del tempo, Timofeev Šurik.

  • Il film è stato girato una parte nella riserva di museo statale chiamata Cremlino di Rostov, situata nella regione di Jaroslavl' - il tempo e l'ambiente di Ivan il Terribile, un'altra, quella della Mosca "contemporanea" è stata girata a Mosca (via Povarskaja, prospettiva Kalininskij e ponte Borodinskij) e poi un'altra, quella delle riprese cinematografiche a Jalta.

  • Le abiti per lo zar, la zarina ed i boiardi con le guardie, sono stati ricavati dalle riprese del film di Ivan Eisenstein "Ivan il Terribile".

  • Leonid Gajdaj credeva nei segni e considerava il gatto nero come il suo talismano. Per questo motivo, questo animale è apparso in molte delle sue commedie.

  • Nel 1973 è stato il film campione di incassi nell’Urss, e fa ancora ridere milioni di russi.


Wilfredo Ardito, 27-01-2022

Il film é brillante e Gaidai ne he riuscito a usare il suo popolare personaggio (Shurik) che non esisteva nell'opera teatrale originale. Anche il film serve per mostrare certi problemi sovietici, come gli ospedali psichiatrici nei quali molto facilmente si rinchiudeva a quelle persone scomode per le autoritá. É successo cosí anche al proprio Shurik in La Prigioniera del Caucaso.

RIROSTE, 21-01-2022

Esilarante commedia dal ritmo forsennato, come solo Leonid Gajdaj sapeva realizzare. Mi auguro di trovare presto anche le altre pellicole di questo brillante regista.

Lascia la tua recensione

Anche se facciamo del nostro meglio, non siamo di madrelingua italiana, quindi se vuoi aiutarci a migliorare le traduzione, scrivici!

Supportaci con una donazione paypal