Sottotitoli

Ivan Lapšin
Konstantin Cernenko
Unione Sovietica
Aleksej German
Supportaci con una donazione paypal

Il mio amico Ivan Lapšin

Dramma polizeisco diretto da Aleksej German
1984 - Lenfilm
Мой друг Иван Лапшин
IMDB: 7.7

Nel 1935 una compagnia di attori di teatro di propaganda arriva in tour in una cittadina di provincia, a nord di Leningrado. Qui incontrano, Ivan Lapšin, capo della polizia locale, da sempre in lotta contro una gang che terrorizza la città. Le vicende di Lapšin e quelle degli attori si intrecciano in un vortice di adrenalina, delusione, amore e morte.

Sottotitoli a cura di Ian Curtis e AsianWorld.it

Redazione di Anna Dolgova

Contesto storico e sociale

Gli anni '30 nell'Unione Sovietica sono caratterrizati dallo sterminio dei contadini agiati (kulaki) che rifiutavano aderirsi ai kolchoz, dalla persecuzione dell'intellighenzia, dalla lotta al patriottismo di un intero popolo e dalla gigantesca carestia grazie alla collettivizzazione forzata delle terre che colpì varie parti dell'Unione Sovietica. La carenza di cibo per gli abitanti delle campagne, soprattutto quelle ukraine provocò un massacro: in tutta l'Urss circa 5 milioni di persone private dei mezzi di sostentamento – morirono di fame. Di questi, secondo le stime, 4 milioni erano ucraini "Holodomor". La necessità di sfamarsi era considerata un crimine contro lo Stato.

Tra l'altro negli anni '30 i detenuti dei gulag per crimini politici ma anche reati ordinari, pieni di rancore, crearono una sottocultura violenta, dotata di una rigida gerarchia, una sua lingua e un “codice d’onore” non scritto. Hanno cominciato a formare una società in contrapposizione al rigido conformismo sovietico, “ladri nella legge”, che sopravvivevano attraverso furti e mercato nero. Nella Russia contemporanea questo fenomeno si è evoluto in una forma molto diversa da quella originaria.

Curiosità e riconoscimenti

  • Tratto da un romanzo di Jurij Guerman, padre del regista, il film venne girato nel 1982, ma uscì a Mosca solo nel 1984 per problemi di censura.

  • Nel 1986 vinse il Pardo di Bronzo a Locarno e venne dichiarato dai critici russi "Miglior film sovietico di tutti i tempi".

  • Ambientato nel 1935 nella città immaginaria di provincia di Unčansk (girato ad Astrakhan).

  • Eduard Volodarskij è stato lo sceneggiatore del film, che tra l'altro è stato consultato da un ex capo della polizia penitenziaria di Leningrado negli anni '30. Egli ha condiviso con i creatori del film la storia di un caso di serial killer, Turin, che ha costituito la base della trama del giallo.


Anche se facciamo del nostro meglio, non siamo di madrelingua italiana, quindi se vuoi aiutarci a migliorare le traduzione, scrivici!

Supportaci con una donazione paypal